SCOPRIRE L'UOMO SCAVANDO DENTRO SE STESSI - QUESTO A MIO AVVISO E' IL FINE DI TUTTO - E' INDUBBIAMENTE LA PIU' STIMOLANTE DELLE AVVENTURE - Walter Bonatti

giovedì 15 aprile 2010

L'ORSO DINO A POSINA !


Ieri ho saputo dai telegiornali locali che un orso e per la precisione l'Orso Dino (M5)ha segnalato la sua presenza nella Val di Posina, proveniente dalla zona del Primiero ed ancor prima dalla Slovenia e arrivato a Posina attraversando l'Altipiano di Asiago, subito la convivenza con gli uomini si presenta difficile, il povero orso ha ucciso due asini perche' affamato e appena risvegliato dal letargo, il paese e' allarmato.
Bisogna pensare che mai si e' verificato un attacco di un orso ad un uomo, e solitamente questi animali schivi e riservati si fanno vedere molto poco e fuggono se disturbati da presenze umane, hanno solo bisogno di sfamarsi come tutti gli esseri viventi.
Bisogna pensare che puo' essere una grande risorsa per il turismo, vedi il Parco Dell'Adamello Brenta, ed e' un segnale positivo che un orso sia in liberta' in natura, perche' vuol dire che l'ambiente e' favorevole per la sua sopravvivenza.
PROTEGGIAMOLO!!!

Se vuoi lascia un commento in difesa dell'Orso Dino.

32 commenti:

  1. Anonimo4/15/2010

    Io non lo difendo per niente. Perché non ve lo portate davanti alla porta di casa vostra?

    RispondiElimina
  2. Ma tu chi sei?
    Un anonimo....?

    RispondiElimina
  3. Anonimo4/15/2010

    caro amico...conoscendo le teste della maggior parte dei veneti (bruta zent), sono pessimista. Povero orso, vieni da noi in Trentino che troverai una bella femmina e gente meno ottusa.

    Matteo

    RispondiElimina
  4. Anonimo4/15/2010

    Bruta zent, lo puoi dire tranquillamente ai tuoi vicini. Giudicare risulta facile, se ti piace un orso nel tuo giardino, all'improvviso che banchetta con gli animali a te cari, puoi tranquillamente prenderlo. Anche noi amiamo la natura, ma liberare un orso in un territorio nuovo senza dare indicazioni e sostegno alla popolazione credo non sia corretto.
    Massimo

    RispondiElimina
  5. Anonimo4/15/2010

    Nessuno lo ha liberato...è venuto dalla Slovenia spontaneamente. Sei tu che giudichi senza conoscere (come molte persone purtroppo). L'ignoranza è una brutta bestia...

    Matteo

    RispondiElimina
  6. Anonimo4/15/2010

    Concordo e comprendo la tua straordinaria confidenza con la natura. Per noi è una novità importante e il pensiero di uscire o rientrare tardi la sera nelle nostre contrade con Dino potenzialmente in caccia non ci fa stare tranquilli. Tutto qui.
    Massimo

    RispondiElimina
  7. Anche io sono veneto, e non mi offendo se il parere di un'altra persona e' "bruta zent" e' un suo parere, restando sull'orso dino, lo so che crea un grande disagio e paura quando si avvicina ai centri abitati, ma se ci mettiamo nei panni dell'orso, dove deve andare?
    Nessuno lo vuole vicino a casa.
    Sono animali che si spostano su grandi distanze e quando un orso si trova in zone troppo abitate crea disagio, io sono d'accordo che deve essere spostato con cura su zone dove trova piu' spazio.
    Il mio messaggio e' di EVITARE DI AMMAZZARLO PERCHE' CREA SCOMPIGLIO NEI CENTRI ABITATI, e' meglio spostarlo su zone piu' selvagge.

    RispondiElimina
  8. Anonimo4/15/2010

    Fantastica soluzione, quella che noi auspichiamo, qui vicino esistono zone vaste scarsamente abitate dove Dino potrebbe scorrazzare liberamente anche insieme ad una compagna. Il guaio è che su dino si stanno scaricando le responabilità e non prendono nessuna decisione
    Massimo

    RispondiElimina
  9. Anonimo4/15/2010

    ottima soluzione, quella che noi auspichiamo, ma non tra un anno. Qui vicino ci sono zone scarsamente abitate dove Dino potrebbe scorrazzare libero, magari anche in compagnia. Attualmente invece si stanno solamente scaricando le responsabilità e le competenze
    Massimo

    RispondiElimina
  10. Io sono molto spesso a fare escursioni sull'Altipiano di Asiago e lo sapevo benissimo che c'era l'orso Dino in giro quando andavo sulle montagne e boschi, ma non me ne sono mai preoccupato, solo perche' un animale non attacca l'uomo senza motivo o per sfamarsi, lo fa se si sente braccato.
    Nel Parco D'Abruzzo convivono con gli orsi perche' magari sono un po' piu' abituati, a volte scendono anche in paese, noi invece non siamo abituati a questi incontri "ravvicinati".

    RispondiElimina
  11. Anonimo4/15/2010

    è normale che sia così per voi, è una novità, ma state tranquilli, se ne andrà da solo fra poco tempo...o se rimarrà vi abituerete e non ci penserete neache più. E mi raccomando andate all'incontro di venerdì che è utile conoscere la situazione come si sta evolvendo.

    Matteo

    RispondiElimina
  12. Anonimo4/15/2010

    sul fatto della "bruta zent" ho detto la maggior parte...non offendetevi!

    RispondiElimina
  13. Ogni persona ha il suo modo di pensare e deve essere rispettato fintanto che ha rispetto per le altre persone, sono fiducioso che le autorita' competenti trovino una soluzione rapida senza perdersi nelle pastoie burocratiche, e spero che sia una soluzione di "liberta'" e rispetto per il povero orso Dino.
    Rispettiamo la sua dignita' di animale libero!

    RispondiElimina
  14. Ahia...qui cerchiamo di convivere con l'orso e non riusciamo a convivere con i nostri vicini di regione. Sono abruzzese, e posso garantire che non tutti sono abituati agli orsi. Anzi, negli ultimi anni ci sono stati molti casi di morti sospette, segno che questi animali per svariati motivi non sono poi così tollerati. Capisco chi dice di non volersi ritrovare un orso davanti alla porta. E' plausibile. Nessuno vorrebbe trovarselo. Ma gli orsi non sanno che quella è casa nostra, per loro è solo una fonte di potenziale cibo (cassonetti, animali domestici). Sta a noi (visto che siamo la specie "superiore") trovare dei metodi per evitare che gli incontri fra uomo e orso possano finire male (spesso più per l'orso visto che nel nostro Paese non ci sono casi di aggressione all'uomo da oltre un secolo). Capisco che il Veneto rispetto al Trentino o all'Abruzzo è meno abituato a convivere con gli orsi ma piano piano, se si riesce a far capire l'importanza che questi animali hanno per l'ambiente e per il nostro Paese, la convivenza fra uomo e orso sarà possibile. Serve cooperazione fra i vari enti amministrativi e di gestione delle risorse e del territorio, visto che se si agisce scaricando ogni volta la responsabilità non si ottiene nulla. Per proteggere l'orso dobbiamo prima di tutto imparare a coordinarci e ad essere più cosapevoli e comprensivi son questi animali. Auguro agli amici del Veneto che possano al più presto imparare ad essere fieri del fatto che questi animali abbiano scelto la loro terra perchè significa che ci sono ancora posti incontaminati e ideali per ospitarel'incontrastato signore dei boschi.
    Un saluto a tutti
    OrsoBruno (blogorsobruno.blogspot.com)

    RispondiElimina
  15. Ogni persona ha le sue idee e va rispettato fino a quando ha rispetto per le altre persone, io sono fiducioso che le autorita' competenti trovino una soluzione che rispetti la liberta' e la dignita' di animale selvaggio dell'Orso Dino, e che renda maggiore "protezione" alle genti della Val di Posina.
    Ripeto : un animale non attacca mai l'uomo salvo che non si senta braccato.

    RispondiElimina
  16. OrsoBruno sono pienamente d'accordo con te.
    Grazie.

    RispondiElimina
  17. La paura è un sentimento giusto e umano, ma nel momento in cui si trasforma in panico non è costruttiva. La paura ci deve aiutare a trovare la giusta soluzione al problema. Comprendo gli amici del Veneto, non deve essere una situazione facile ma i metodi per evitare incidenti ci sono. Basta sapere fare la cosa giusta al momento giusto :)

    RispondiElimina
  18. Noi tagliamo un albero perche' con le sue foglie ci sporca il giardino, uccidiamo il cinghiale o il capriolo perche' ci mangia le piante coltivate, uccidiamo il lupo perche' ci mangia gli animali domestici, uccidiamo l'orso perche' ci fa paura e perche' uccide per sfamarsi.
    Ma perche' distruggiamo tutto quello che ci crea un po' di fastidio, paura e disagio?
    Perche', invece, cerchiamo di capire ed avere rispetto per gli esseri viventi che comunque con il loro modo di sopravvivere ci portano beneficio anche se non lo vediamo subito?

    RispondiElimina
  19. Anonimo4/15/2010

    Proteggere l' orso si.. ma anche gli umani! Spero che non aspettano il morto prima di spostarlo in un ambiente più adatto a lui come ad esempio a un parco naturale e insieme alla sua specie.

    RispondiElimina
  20. @Anonimo (ultimo messaggio): non vorrei essere stato frainteso: qui nessuno sta dando la priorità ad un essere piuttosto che ad un altro. La sicurezza e la tranquillità dell'uomo sarà dovuta alle giuste misure che sia adotteranno per proteggere l'orso e viceversa. Un uomo minacciato può imbracciare un fucile e sparare ad un orso (vedi Bruno in Baviera) così come un orso può aggredire un uomo se si sente minacciato. Il discorso che facevo io è semplicemente quello di adottare le giuste misure per fare in modo che questi conflitti vengano mitigati al massimo in modo da convivere pacificamente, uomini ed orsi. Non mi sembra impossibile dai :)

    RispondiElimina
  21. Anonimo4/16/2010

    Non capisco perchè tutto questo polverone lo state facendo a Posina, quando l'orso fin dall'anno scorso ha imperversato e cacciato nel bellunese, nel feltrino, in primiero; certo con apprensione da parte della popolazione ma non questa isteria. Abbassare i toni prego!

    Franco, Feltre

    RispondiElimina
  22. Anonimo4/16/2010

    Secondo me va ucciso. Punto e basta.
    Anna

    RispondiElimina
  23. @Anna: il rispetto delle idee altrui a parere mio sta anche nell'apertura al dialogo e la voglia di ascoltare e valutare anche altri pareri. Mi fa più paura la seconda parte del tuo messaggio che la prima. Quel "punto e basta" mi ha fatto venire la pelle d'oca visto che sta ad indicare una totale chiusura e una posizione netta di fronte al problema. Penso che se affrontassimo ogni problema che la vita ci presenta uccidendo, eliminando, epurando e annientando chi ci ostacola faremo senz'altro un passo indietro nell'evoluzione. E a quel punto vorrei proprio vedere chi è la specie superiore...

    RispondiElimina
  24. Se uccidessimo tutto cio' che ci da' fastidio e disturbo in modo cieco e indiscriminato....
    Potremmo considerarci la specie dominante si....di noi stessi.
    Senza animali, senza piante, senza i nostri vicini...solo terra pulita...e se piove?
    Ci infanghiamo e ci sporchiamo le scarpe!
    Una vera specie dominante!
    Scusate la metafora, ma pensate a quel povero Orso che da' fastidio a molti.....senza esserne consapevole.

    RispondiElimina
  25. Non dobbiamo Uccidere l'orso...! Siamo noi che stiamo edificando,edificando,edificando...dove più ci piace e poi ci lamentiamo se viene a farci visita un povero animale che gli è stata tolta la sua terra... Ma si uccidessero loro!
    Un’altra cosa ho da dire...Sono veneta, e, che, proprio in trentino, (regione a me cara)Ho sentito i bracconieri, di notte, nel parco Adamello-Brenta..Stavo tornando dal rifugio XII Apostoli... Sicché non so dove possa stare al sicuro quella povera bestiola!

    RispondiElimina
  26. Anonimo5/03/2010

    In Valtellina (provincia di Sondrio) si segnala in solo caso di attacco di un orso a un bambino nel lontano 1887. Omobono Mondini per difendere le sue pecore si avventò sull'orso colpendolo col btone. 'orso reagi morsicando ripetutamente Imobono che akkora aveva 14 anni.
    Il Mondini sopravvisse, nonostante le gravi ferite e il gregge fu salvo. Il fatto accaduto a carona di teglio è riportato dalla stampa valtellinese dell'epoca.

    RispondiElimina
  27. Giacomo5/03/2010

    In parole povere tutta questa paura dell'orso è priva di fondamento.

    RispondiElimina
  28. Da un pò di giorni è sui nostri monti (veronesi), s'è mangiato un paio d'asini ma a dir la verità non essendo abituati alla sua presenza le recinzioni sono più a prova di "fuga" che a prova d'orso, cmq appena ha visto l'uomo s'è dato alla fuga (avrà visto che siamo della bruta zent??:-)).
    A parer mio anche sui giornali s'è messa la discussione sull'allarme e sui danni (che presumo saranno rimborsati) invece del risultato ambientale..
    L'unico possibile pericolo per l'uomo potrebbe essere l'avvicinarsi a un cucciolo (come col cinghiale del resto ma vi siete mai preoccupati di trovare un cinghiale?e ce ne sono molti molti di più)...
    Simone

    RispondiElimina
  29. Anonimo5/03/2010

    VISTO CHE NON CI SONO STATE AGGRESSIONI DA PARTE DI UN ORSO DA CENTO ANNI, PER DIRE CHE E' PERICOLOSO COSA BISOGNA ASPETTARE CHE CI SCAPPI IL MORTO? SPERIAMO SOLO CHE TOCCHI A CHI NON LO CONSIDERA PERICOLOSO.

    RispondiElimina
  30. Allora ragionando come te bisognerebbe ammazzare tutte le vipere o tutti gli uomini visto che alcune di queste specie uccidono...hai paura anche in mezzo alla città o quando vai nell'orto?
    Quando vai in auto,prendi un'areo,nuoti al lago vai a sciare ecc.. accetti il rischio impara a farlo anche quando esci in luoghi in cui l'uomo non è l'unica autorità a dettar legge..se non l'accetti o ti crea danno è un tuo problema e faresti meglio e restare a casa...
    Simone

    RispondiElimina
  31. Anonimo5/06/2010

    a dire la verita' da quando so che c'e' Dino nei paraggi non mi sento tranquillo nei trekking sulle piccole dolomiti ma so che il signore e' stato munito di collare per cui credo che la sua posizione sia conosciuta da chi di dovere in tempo reale (o sbaglio?) ma che questa sia tenuta ben nascosta per non facilitare l'opera agli sconsiderati cacciatori di trofei!
    stefano

    RispondiElimina
  32. Anonimo1/01/2012

    io penso che dobbiamo ricordare una cosa molto importante quando noi ci imbattiamo in escursioni in montagne sentieri e facile incontrare un orso, ma e una cosa normalissima perche ricordiamo che noi siamo gli invasori noi entriamo nell loro ambiente nella loro casa quindi perche dovremo lamentarci ,percio io sono del parere che in natura ogni cosa rispettata e accettata ..

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

.....

Free counters!

Disclaimer

Il solo fatto di accedere alle pagine comporta la completa accettazione dei termini e convenzioni d'uso qui sotto specificati.
Se non si concorda con quanto espressamente descritto, si prega di interrompere l'accesso.
I contenuti del blog sono protetti dalla normativa vigente sui diritti d'autore.
Ogni riproduzione, anche parziale dei testi e delle immagini è vietata, salvo autorizzazione.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita', pertanto, non puo' considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001 , alcune immagini, filmati, articoli, citazioni inserite in questo blog possono essere tratte da internet e da altre fonti esterne, qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a giotto.geo@gmail.com e saranno immediatamente rimosse.
Le attività dell'alpinismo, arrampicata ed escursionismo sono pericolose se effettuate senza preparazione fisica, teorica e senza la adeguata attrezzatura, possono quindi creare danni a se stessi ed alle persone che condividono e sono coinvolte nell'attività.
Chi volesse percorrere gli itinerari descritti è tenuto ad assumere le rituali informazioni necessarie per la sicurezza in loco o presso associazioni escursionistiche della zona, nonchè dotarsi di aggiornata carta topografica e della attrezzatura adatta.Per la difficolta' che presentano le escursioni vi invitiamo a farvi guidare solo ed esclusivamente da Guide esperte ed ufficialmente autorizzate dalle organizzazioni preposte alla certificazione delle stesse.
Le tracce gps pubblicate sono da considerarsi indicative ed una semplice informazione di sviluppo del percorso, un utilizzo improprio delle stesse può risultare fuorviante ai fini dello sviluppo in sicurezza del percorso.
Declino inoltre ogni responsabilita' per gli eventuali errori, inesattezze ed indicazioni riportati nel blog e per gli eventuali danni ed incidenti da essi derivanti.
Si declina ogni responsabilità per i contenuti di eventuali siti raggiungibili attraverso collegamenti (link) presenti all'interno del presente blog. Essi sono inseriti al solo scopo di fornire un servizio più completo in termini di informazioni. Il loro utilizzo è effettuato d'iniziativa propria del singolo visitatore.
Nessuna informazione personale è automaticamente raccolta sui visitatori del blog, si informa che possono essere automaticamente acquisite informazioni sulle modalità di connessione dei visitatori al fine di fornire
una ottimale visualizzazione del blog.
Esse sono : informazione sul tipo di browser utilizzato, il tipo di sistema operativo e il nome dell'internet service provider del visitatore, quantita' di visite e relative statistiche, solo ed esclusivamente in forma generale e non individuale.