SCOPRIRE L'UOMO SCAVANDO DENTRO SE STESSI - QUESTO A MIO AVVISO E' IL FINE DI TUTTO - E' INDUBBIAMENTE LA PIU' STIMOLANTE DELLE AVVENTURE - Walter Bonatti

martedì 31 agosto 2010

LIGURIA DA LEVANTO A MONTEROSSO





Una escursione con il vento ed il profumo del mare che ci accarezzano la pelle.
Partendo dal paese di Levanto ed attraversando il promontorio di Punta Mesco giungendo alla meta nel centro di Monterosso al Mare.
Potrebbe essere una continuazione del sentiero delle Cinque Terre percorrendolo al contrario.
Una facile escursione in un promontorio selvaggio e a dir poco spettacolare......... solo da provare per capire!
Partendo dal centro di Levanto si sale seguendo la costa verso il Castello che dopo averlo oltrepassato si procede salendo abbastanza rapidamente tra coltivazioni tipiche e macchia mediterranea sempre con la vista sul magnifico mare della baia.
Una volta giunti ad incrociare la strada si procede sempre verso destra e si giunge a delle indicazioni che indicano Punta Mesco e si imbocca il sentiero che costeggia un piccolo albergo.
Da qui seguendo l'unico sentiero si attraversano luoghi di incomparabile bellezza tra macchia mediterranea e scogliera a picco sul mare.
Una volta giunti ad un bivio dove girando a sinistra si scende a Monterosso, si puo' proseguire raggiungendo i ruderi del Monastero di Sant'Antonio e alla lanterna militare da dove si puo' spaziare sulla costa rocciosa delle Cinque Terre.
Ritornando al bivio tralasciato in precedenza si scende a destra verso il centro paese di Monterosso dove ci si puo' riposare le "stanche membra" sulla spiaggia dominata dalla gigantesca statua del Gigante Nettuno che sostiene una conchiglia.
Escursione molto facile con un dislivello di circa 300 mt. e percorribile in 2 ore e mezza, e' consigliabile evitare di farla in agosto con il sole battente perche' ci si potrebbe "cuocere" letteralmente.
La cartografia relativa alla zona può essere reperita presso : http://www.edizionidelmagistero.it/

SENTIERI


Quante vie abbiamo percorso, quanti sentieri abbiamo incrociato, quante vie e quante storie ancora incontreremo.
In montagna e nel bosco quanti sentieri.....grandi come autostrade percorsi dall'uomo e piccoli tracciati dal capriolo, stretti ed impervi percorsi dal camoscio, larghi e bassi creati dal cinghiale, corti e ripetitivi della marmotta da un sasso all'altro.
Tutti raccontano una o piu' storie, tutti portano in un luogo oppure lo attraversano.
E' vero ci danno sicurezza e ci sono familiari, se perdiamo il sentiero ci sentiamo a disagio ed in difficolta', e quando ritroviamo il fatidico segno bianco e rosso tiriamo un sospiro di sollievo.
Come vorrei percorrerli tutti ed incrociare mille storie di persone ed animali per scoprire forse tutto e forse niente.......
Rimane solo una cosa da fare : percorrerli questi sentieri cercando forse la verita'.

mercoledì 4 agosto 2010

DOLOMITI D'AMPEZZO Cristallino di Misurina









Finalmente una giornata con il meteo a nostro favore !
Assieme con il Gruppo Amici della Montagna una bella salita da loro organizzata su una delle Montagne piu' panoramiche del Gruppo del Cristallo.
Dalla sua cima si puo' ammirare un panorama di 360° a dir poco spettacolare, non si sa veramente dove guardare......le Tre Cime di Lavaredo, il Cristallo, la Croda Rossa e via via fino a vedere la catena degli Alti Tauri.
Un vero rosolio per l'anima !
E pensare che nei primi anni del 1900 questa zona fu teatro di sanguinosi scontri e fu testimone di sacrifici fisici e morali per noi inimmaginabili.
Il nostro trekking ha attraversato proprio le valli dove ci sono ancora i segni di quel sacrificio perpetrato da popoli che fortunatamente ora sono amici e vicini.
Il percorso che abbiamo fatto parte dalla Val Popena Alta sulla Alta Via delle Dolomiti n.3 contrassegnato anche con il n.222 di sentiero.
Si giunge salendo ad una biforcazione a circa 2000 mt con un sentiero ripido sulla destra che si dirige attraversando la Valle delle Baracche verso una gola rocciosa che sale tra le pareti verticali.
Si sale per il sentiero con qualche piccola acrobazia tra i massi e prestando orecchio a sassi che possono cadere dalle pareti verticali e dal canalino stesso.
Una volta raggiunta la Forcella Michele a 2590 mt sulla destra si procede sulla cresta fino a raggiungere la Vetta del Cristallino 2775 mt.
In discesa siamo ritornati per lo stesso sentiero della salita effettuando la variante percorrendo il sentiero n.224 che poi attraversando una sella scende velocemente al Lago di Misurina.
Dislivello circa 1100 mt (senza calcolare i vari saliscendi perche' sarebbero circa 1400 mt) in salita ed altrettanti in discesa.
Difficolta' EEA per chi sale fino in vetta.
Che dire....a voi le foto valgono piu' di mille parole !
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

.....

Free counters!

Disclaimer

Il solo fatto di accedere alle pagine comporta la completa accettazione dei termini e convenzioni d'uso qui sotto specificati.
Se non si concorda con quanto espressamente descritto, si prega di interrompere l'accesso.
I contenuti del blog sono protetti dalla normativa vigente sui diritti d'autore.
Ogni riproduzione, anche parziale dei testi e delle immagini è vietata, salvo autorizzazione.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita', pertanto, non puo' considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001 , alcune immagini, filmati, articoli, citazioni inserite in questo blog possono essere tratte da internet e da altre fonti esterne, qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo a giotto.geo@gmail.com e saranno immediatamente rimosse.
Le attività dell'alpinismo, arrampicata ed escursionismo sono pericolose se effettuate senza preparazione fisica, teorica e senza la adeguata attrezzatura, possono quindi creare danni a se stessi ed alle persone che condividono e sono coinvolte nell'attività.
Chi volesse percorrere gli itinerari descritti è tenuto ad assumere le rituali informazioni necessarie per la sicurezza in loco o presso associazioni escursionistiche della zona, nonchè dotarsi di aggiornata carta topografica e della attrezzatura adatta.Per la difficolta' che presentano le escursioni vi invitiamo a farvi guidare solo ed esclusivamente da Guide esperte ed ufficialmente autorizzate dalle organizzazioni preposte alla certificazione delle stesse.
Le tracce gps pubblicate sono da considerarsi indicative ed una semplice informazione di sviluppo del percorso, un utilizzo improprio delle stesse può risultare fuorviante ai fini dello sviluppo in sicurezza del percorso.
Declino inoltre ogni responsabilita' per gli eventuali errori, inesattezze ed indicazioni riportati nel blog e per gli eventuali danni ed incidenti da essi derivanti.
Si declina ogni responsabilità per i contenuti di eventuali siti raggiungibili attraverso collegamenti (link) presenti all'interno del presente blog. Essi sono inseriti al solo scopo di fornire un servizio più completo in termini di informazioni. Il loro utilizzo è effettuato d'iniziativa propria del singolo visitatore.
Nessuna informazione personale è automaticamente raccolta sui visitatori del blog, si informa che possono essere automaticamente acquisite informazioni sulle modalità di connessione dei visitatori al fine di fornire
una ottimale visualizzazione del blog.
Esse sono : informazione sul tipo di browser utilizzato, il tipo di sistema operativo e il nome dell'internet service provider del visitatore, quantita' di visite e relative statistiche, solo ed esclusivamente in forma generale e non individuale.